Milano - Castello Sforzesco

13 Feb

pubblicato da

Categorie: Luoghi da non perdere

Commenti: 0

Il Castello Sforzesco è uno dei principali simboli di Milano e della sua storia. Fu costruito nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti di una precedente fortificazione

Dopo la morte del Duca Filipppo Maria (1447) e i disordini che ne seguirono, la neo Repubblica Ambrosiana, che aveva preso il sopravvento nel controllo della città, ordinò la completa distruzione della rocca, distruzione che fortunatamente avvenne solo in modo parziale. Nel 1450, il capitano di ventura Francesco Sforza, abbattuta la Repubblica, prende possesso della rocca dando inizio alla ricostruzione con l’intendimento di creare una fortificazione che si trasformò poi in una creazione architettonica con apparenza di signorile dimora. Inizialmente i lavori furono affidati a Giovanni da Milano al quale si associò Filippo Scorzioli e, nel 1451, i lavori proseguirono sotto la direzione di Jacopo da Cortona. Nel 1452 il principe ingaggiò il Filarete, architetto fiorentino, per la costruzione e la decorazione della torre mediana della facciata principale, iniziata però solo due anni dopo sotto la guida di Bartolomeo Gadio da Cremona. Alla morte di Francesco Sforza (1466), gli succede il figlio Galeazzo Maria che provvide a far continuare i lavori affidando la parte interna all’architetto Benedetto Ferrini, anch’esso fiorentino, al quale si deve la loggia, lo scalone d’onore, il portico dell’Elefante, la cappella e il lato posteriore della Rocchetta. La parte decorativa fu affidata ai pittori del Ducato. Sotto la reggenza di Bona di Savoia, fu costruita la torre alla quale fu dato il suo nome (1476). In seguito, col sopraggiungere al potere di Ludovico il Moro (1494), quartogenito di Francesco Sforza, il castello divenne una delle più fastose dimore nella quale operarono, per la parte decorativa, il Bramante, il grande Leonardo e numerosi altri artisti. Alla caduta di Ludovico il Moro (1499) la ricca reggia fu occupata dalle forze francesi comandate dal maresciallo Gian Giacomo Trivulzio e da qui cominciò il disfacimento del fastoso castello. Nel 1521 uno scoppio di polveri cagionò la distruzione della torre centrale costruita dal Filarete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *